L'affidabilità dei testi storici


Spesso riceviamo critiche sulle nostre ricerche delle origini del cristianesimo perché analizziamo Vangeli canonici e apocrifi con spirito storico, al pari dei testi degli storici antichi. Ma è possibile fidarsi ciecamente degli storici quali Giuseppe Flavio, Tacito, Svetonio, Dione Cassio etc. ? 

Abbiamo riscontrato, dati alla mano, che praticamente tutti gli scritti pervenutici non sono originali, ma copie di copie. Qual è il manoscritto completo più antico delle varie opere?
- Bibbia, (autore?), IV-V 
- Contro le eresie, Ireneo, IV
- Antichità Giudaiche, Giuseppe Flavio, IV-X
- Le storie contro i pagani, Orosio, V-VIII
- Storia ecclesiastica, Eusebio, V-XII

E gli altri?
- Vite dei Cesari, Svetonio, IX
- Annali, Tacito, IX-XI
- Storia Romana, Dione Cassio, XI-XVI

Riferimento al testo: Doc 1752

Come possiamo essere sicuri dell'attendibilità e originalità di documenti (in copia) distanti oltre 10 secoli dai fatti narrati? Noi riteniamo questi testi sicuramente utili, ma abbiamo riscontrato numerose manipolazioni e interpolazioni.

Per maggiori approfondimenti suggeriamo la lettura dei libri:

Mac